Cose che succedono quando non studi francese

L’amore ai tempi della Corea (atto secondo)

Personaggi

Nives, Paco, Kim, guardia del complesso residenziale, poliziotto 1, poliziotto 2 e
Tricia: la coinquilina di Nives, che parla russo e viene dall’ URSS.

(Il primo atto si chiudeva con Paco sbattuto fuori di casa da Kim, Paco è quindi ospitato da Nives a dormire sul suo divano del salotto)

Atto secondo: IL SALOTTO VIOLATO

Scena prima: in metropolitana

(Nives riceve una serie di messaggi sul cellulare, è Tricia)
TRICIA: Ciao Nives, spero che tu non sia sulla via del ritorno.
NIVES: Tricia? Che cavolo hai combinato?
TRICIA: Ahaha niente! Però c’è la fidanzata di Paco che è venuta qui e adesso sono fuori in pianerottolo a discutere, credo che lei stia aspettando te…
NIVES: tutto questo è insieme sconfortante e divertente. Possiamo chiamare il tuo amico piazzato?
TRICIA: sì, è tutto molto divertente, da quello che riesco a sentire lei continua a insistere che tu le devi chiedere scusa, insinuando anche che voi due stanotte chissà cosa avete fatto, dato che a passato la notte con te.
NIVES ha passato la notte da me, ma non con me, Tricia!
TRICIA lo so, infatti non devi convincere me 😉 il mio amico piazzato comunque ha lezione.
NIVES posso chiedere alla guardia di sotto di scortarmi verso casa?
TRICIA prova
NIVES o fermare un tipo a caso per la strada e chiedergli di fingersi il mio fidanzato, può funzionare?
TRICIA non starai dicendo sul serio? (stava dicendo sul serio e aveva anche individuato un francese a cui chiedere, ma non aveva colto l’attimo) e comunque non credo funzionerebbe, ce l’ha abbastanza con te.
NIVES vabbè Tricia, io la prossima scendo, ci vediamo a casa fra dieci minuti.

SIPARIO

Scena seconda: in salotto
(Nives entra nel proprio complesso residenziale e chiede alla guardia se è così gentile da accompagnarla fin su. Descrive brevemente gli eventi di cui si renderanno protagonisti e la guardia se la ride alla grande).

PACO (sul pianerottolo, scalzo e spettinato, e in pigiama, tiene ferma Kim per le spalle) ciao Nives, entra in casa mentre la tengo ferma.

(Tricia apre la porta e Nives si infila dentro mentre Kim la carica come un toro da dietro, la guardia in tutto ciò dimostra un distacco e un disinteressamento zen).

NIVES ma cos’è successo?
TRICIA è arrivata, è entrata e ha spaccato una bottiglia di birra per terra (contemplando i cocci e il lago di birra sul pavimento del soggiorno). Ed è qui da almeno un’ora e mezza.

NIVES ma chi è che le ha aperto, scusa?!

TRICIA Paco, sicuramente (Paco confermerà più tardi, adducendo come scusa che non aveva visto dallo spioncino perché il pianerottolo è al buio).

NIVES beh, dai, puliamo.

(Tricia e Nives iniziano a pulire mentre a ciclo continuo, senza sosta, Kim tira alla porta urlando alternativamente “mi devi chiedere scusa” e “parli inglese davvero malissimo” per cui Nives si sente giustamente in colpa per il suo povero livello linguistico).

PACO Nives, per favore, prendi le mie valigie e sporgimele dalla porta, ha promesso che fa la brava (calci ripetuti alla porta, corredati da maledizioni sumere) se dimostro di voler tornare a casa tua.

KIM (urlando) mi devi chiedere scusa, parli malissimo inglese!

NIVES (a Tricia, ignorando quello che ha detto Paco) guardiamo al lato positivo: noi siamo dentro casa e ormai sono le sei, possiamo tranquillamente lasciarli morire di fame e sete fuori, prima poi dovranno andarsene, di colpo non mi interessa più neanche di Paco, che vada pure a finire sotto un ponte. Di fatto noi, qui, abbiamo acqua e cibo per giorni. E domani non devo neanche andare a lavorare, quindi non devo neppure uscire!

TRICIA io in realtà domani avrei un appuntamento…

NIVES e poi a lei verrà sete a furia di gridare, o no? (a Paco) potete passare la notte lì fuori per quel che mi riguarda.

KIM (a Nives) devi parlare in inglese a Paco! Ma certo, è che non lo sai abbastanza bene!

PACO (dopo alcuni minuti) Nives, sono riuscita a convincerla ad andare di sotto, aprimi e fammi entrare. (Nives, armata di carità cristiana apre a Paco che si barrica a sua volta in casa, insieme chiamano la polizia).

Scena tre, l’arrivo della polizia.

POLIZIOTTO 1 (gli descriviamo l’accaduto, con tanto di ferite di guerra di Paco che aveva morsicature, graffi e tagli sulle braccia e una ferita in testa), capisco, ma lei adesso dov’è?

PACO, NIVES non lo sappiamo, per caso avete visto qualcuno sotto?

POLIZIOTTO 1 capisco, ma in questo caso noi non possiamo fare niente, dato che trattasi di una bega tra fidanzati…

POLIZIOTTO 2 se si ripresenta, richiamateci.

PACO ma mi ha fatto questo! (stende le braccia).

POLIZIOTTO 1 ho capito, ma…

POLIZIOTTO 2 se si ripresenta, richiamateci, al 110.

PACO ma…

NIVES ok, va bene, quindi per sta volta niente di fatto?

(si sente bussare, Tricia apre la porta)

KIM (entra furibonda) mi hai fatto aspettare sotto per tutto questo tempo! (al Poliziotto 1) mi ha fatto aspettare sotto da sola, non si fa aspettare una ragazza sotto casa per così tanto tempo!

(non si tirano nemmeno calci alle porte di sconosciuti, o spaccano bottiglie sul pavimento della gente, ma chi siamo noi per giudicare? Per di più con il nostro inglese appena appena elementare?)

POLIZIOTTO 1 calma, calma

KIM mi ha presa in giro! (spintonando Paco) mi hai preso in giro!

POLIZIOTTO 1 (dividendoli) calma, calma… Adesso andiamo in centrale e mi raccontate per bene cosa è successo. (rivolto a Nives) signorina, se volessero venire anche lei e la sua amica, questo è l’indirizzo (scrive su un foglietto l’indirizzo).

MORALE: se sei un uomo e ti fai picchiare da una ragazza, le forze dell’ordine non potranno farci niente, sei tu che sei un mollaccione. E in quanto tale meriti di essere pestato.

FINE SECONDO ATTO

SIPARIO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...