Viaggi

Corso di cittadinanza modello, ovvero come percorrere 55 volte la distanza Cuneo-Torino in una settimana. Terza tappa

Terza tappa: Pechino. Chilometri: 2178. Totale: 3683.

Tutte le volte che vado a Pechino, l’unica cosa a cui riesco a pensare è: devo andarmene. E anche stavolta non ho fatto eccezione. Prima di tutto non arrivavo da Shanghai (lo shock ci sarebbe stato, ma minore), ma addirittura da Hongkong. Che è Londra. Provate a fare Londra – mercato del pesce di Porta Palazzo, Torino, Piemonte, Italia, poi mi direte.

Primo problema: la metro.
SECONDO TEOREMA DELLA METROPOLITANA (VALIDO SOLO A PECHINO) o DELLA PRESERVAZIONE DELLA SERIETÀ ISTITUZIONALE: se il sistema di trasporti si sviluppa all’interno della capitale di uno Stato totalitario, è bene abbinare alle linee della metro colori spenti degni di copertine di passaporti.

Dimenticatevi la linea rosso carminio di Shanghai, la verde pistacchio, la gialla canarino, la fucsia (sì, abbia la linea fucsia, la 6) , la lilla, la azzurro chiaro. Meglio dirigersi verso i regni più sobri delle gradazioni del blu scuro, del marrone, del rosso inglese: la mappa dei trasporti pubblici di Pechino ha un’aria da ritratto a seppia, o foto Istagrammata, con filtro “patina di sabbia”. Il che potrebbe portare qualche problema agli uomini, secondo questo grafico.

color-scale-for-male-and-female

TERZO TEOREMA DELLA METROPOLITANA o PARADOSSO DEL 13 – 23: nonstante a Shanghai ci siano dieci milioni di abitanti in più, a Pechino il sistema di trasporti risulterà sempre più affollato.

DIMOSTRAZIONE: così (posso inoltre testimoniare personalmente la presenza di così tante persone, dato che ho dovuto prendere la linea 13):

Poi l’ostello. Anche nei miei numerosi viaggi a Hongkong ho sempre dovuto accamparmi in svariati campi profughi prima di trovare l’ostello perfetto, dove avevo pernottato appena pochi giorni prima, però pensavo che, seguendo i consigli di una mia amica, sarei finita direttamente in un albergo di Parco della Vittoria senza passare dal VIA. A dire la verità non era male, ma solo molto pittoresco. Sconsigliato se piove e da ottobre in poi. È ricavato da un’abitazione tipica cinese, ovvero una serie di edifici di due piani disposti a rettangolo, affacciati su un cortile centrale, aperto. Quindi molto carino indeed, ma se piove il cortile è passaggio obbligato e all’aperto. Vabbè, stai in camera e non rompere i cosiddetti, o no? No, dimenticate che sono povera e devo dormire in camerate, usando il bagno comune. E dove sarà il bagno in comune? Si passa per il cortile (è all’aperto e sta piovendo, tu sotto braccio hai: il beauty, gli asciugamani, il pigiama), si entra in un budello tra due degli edifici, anche questo all’aperto, si accede al locale con le docce modelle naia (o ostello). I box doccia sono votati al più rigido utilitarismo: hanno solo l’erogatore e il supporto per l’erogatore (insieme ovviamente, alla porta). Ricordiamo che ti sei portato dietro: creme, cremine, unguenti, pomate, sali, profumi, olii, balsami e preparati di ogni tipo, più i vestiti che hai addosso che dovrai toglierti e mettere da qualche parte. In più il pigiama che pensavi di metterti dopo. Dove posso mettere tutta questa roba? Si sacrificheranno prima di tutto i flaconi, lasciandoli alla mercè dell’acqua. E per i vestiti, beh, si appende tutto alla porta del box doccia. C’è stato un momento in cui ho pensato: sono nuda, fuori, nel centro di Pechino. E mi sto lavando. Esperienze che pochi possono vantare.

Poi naturalmente il momento in cui ti senti padrone del mondo in quanto nudo come un verme nel centro della capitale del secondo Stato più ricco del mondo passa e devi tornare in camera, ripercorrendo l’intero tragitto con le tue cose sotto braccio mentre piove, e i piedini umidi che preferiresti rimangano puliti il più a lungo possibile.

Ma comunque già il secondo giorno ho avuto la possibilità di ritornare a Shanghai. Chilometri: 1239. Totale: 4922. Cioè come percorrere 55 volte la tratta Torino-Cuneo in treno, ma in una settimana. Che è esattamente il tempo che ci mette il regionale per fare quello stesso tragitto UNA VOLTA SOLA.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...