Cose a caso

L’amore è cieco

Avevo già parlato in questo post di come i cinesi si ignorino in metropolitana, ma per chi non dispone di un iPad, un iPhone o qualsiasi altro aggeggio per il divertimento, si può sempre contare su i monitor che ci sono su ogni vagone della metropolitana, che trasmettono senza sosta programmi di tanti tipi. Ci sono naturalmente le notizie, in pillole, ci sono video divertenti su bambini che vengono travolti da animali domestici, ci sono notizie curiose dal mondo, ci sono i cambi fra Yuan cinese e tante valute estere, tra cui l’Euro, il Dollaro, il Dollaro canadese, il Dollaro di Hong Kong ecc… c’è il prezzario, con il prezzo corrente di qualche frutto, ortaggio, genere di carne e/o pesce (tra quelli che ricordo e di cui conosco il termine cinese ci sono: le mele, il cavolo, i gamberetti, i gamberi di fiume, il salmone, la fesa di vitello), e poi ci sono le pubblicità progresso.

Volevo parlarvi in special modo delle pubblicità progresso.

Ce ne sono di due tipi: il primo con persone vere, il secondo con personaggi a cartoni animati. Il primo tipo di pubblicità progresso non ci interessa, mostra semplicemente un giovane sui trent’anni che si dimostra cittadino modello aiutando le vecchiette sulla sedia a rotelle ad attraversare la strada SOLO quando il vigile segnala il via libera e non a caso come succede di solito (lo faccio anch’io ogni tanto, la mossa di lanciarmi a caso al centro della strada), fa passare lo zaino nel metal detector posto all’entrata della metropolitana, si ferma cortese a chiacchierare con una signora di mezza età che vende le rose per finanziare una buona causa e cose del genere.

Parliamo piuttosto del secondo. Il secondo tipo tenta di insegnare ai cinesi un comportamento virtuoso da tenere in modo da non intralciare il traffico o non causare incidenti. Il tutto è rappresentato da un uomo che: primo errore: si lancia al centro della strada per fermare un taxi, invece di aspettarlo a bordo strada, sul marciapiede, secondo errore: chiede al tassista di fermarsi di colpo senza curarsi dei mezzi che seguono dietro che sono dunque costretti a inchiodare, e terzo errore: scende prima che il taxi accosti causando la caduta di un ciclista che sbatte contro la portiera del mezzo.

Perché quest’uomo commette il primo errore? Ha fretta, forse. Magari ha davvero fretta. Non voglio rimproverarlo per questo, anche se sì, non si fa, non ci si lancia nel mezzo della strada.

Ma ancora più interessante, perché l’uomo commette il secondo e il terzo errore? Quello cioè di chiedere al tassista di inchiodare e di fiondarsi fuori dal taxi prima che accosti? Perché vede una bella “ragazza”.

La “ragazza” in realtà è un cane. Sì, un cane, non questo cane, ma un cane vero, cioè, a cartoni animati intendo, però una cagnetta insomma, un barboncino con hot pants e canotta gialla, fiocchetti rosa in testa e scarpe da ginnastica che, oltre che vagare per il marciapiede fissando il vuoto con aria persa, vagisce pure un paio di volte, una volta con la eeeeeeh, una volta con la oooooooh, lancia un bacio a caso e fa, apparentemente, innamorare follemente il nostro poco virtuoso esempio di cittadino.

Io trovo il tutto terribilmente disturbing. Ma questo spiega anche perché le ragazze della mia età comprano cappellini con il muso di panda o di orsetto.

Annunci

One thought on “L’amore è cieco

  1. Pingback: Colonne sonore | Potevo Studiare Francese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...