Cose a caso

Giugno col bene che ti voglio

Qualche mattina fa il computer dell’ufficio mi ha accolta con questo sfondo.

june

Ho pensato di fare uno snapshot dell’immagine perché i posteri devono sapere prima di cambiare lo sfondo. È infatti vitale che si condanni l’uso sconsiderato e tutto cinese di cuori, farfalle, orsacchiotti, fiocchetti e altre marmellosità in qualsiasi ambito. QUALSIASI. A volte anche a completo discapito della serietà e della professionalità, per esempio la newsletter di una compagnia il cui prodotto è rivolto a facoltosi nuovi ricchi cinesi che presenta nella testata un sole. Con gli occhiali da sole. Chiaramente disegnato con Paint. Ma perché diamine?

Ma torniamo allo sfondo. Perché avete messo due cuori nella U di JUNE? Cosa volete dimostrare? Suggerire? Raffigurare? Avanzare? Richiamare? Alludere? Seriamente, voglio dei feedback che gettino un po’ di luce sul perché. E non accampate scuse di grafica, perché vedete da voi che fa accapponare la pelle.

Quello che forse non sapete è che in Cina, ogni volta che ci si accinge a comprare qualsiasi fornitura da ufficio si deve fare un sacrificio:

Nel primo caso si compra qualcosa mettendo da parte il buongusto perché si ha fretta, o non si ha tempo di cercare, per cui si finisce con l’avere gomme per cancellare a forma di orsetti, biro che mentre scrivono lanciano stelle filanti al loro passaggio, post-it a forma di cuore, copertine di quaderni dal sapore un po’ rétro, un po’ tardo romantico, con una coppietta sotto la pioggia, paperette, orsacchiotti, ghiande a forma di cuore (true story) eccetera, il tutto completo di una qualche frase inglese sgrammaticata, tipo (vado a memoria): “you and me together into the forever love”, “the love is wonderful if you and me together”, “friends are you and me forever” e altre perle di questo genere, e tu pensi: il messaggio, per quanto penoso, l’ho capito, nonostante il surplus o la mancanza di qualche parola qua e là, però per scrivere ‘ste cose, o lasci perdere, o ti documenti e le scrivi correttamente!
Oppure nella versione per i maschi (anche se la distinzione dei sessi in Cina non è molto marcata, approfondirò presto anche questa tematica), ci sono frasi per pompare il nostro candidato e fargli raggiungere vette di affermazione professionale mai viste prima, del tipo: “the best quality goods always make you happy”, “this is the most confortable notebook you have ever run into, you will feel like writing with in all the time”. Che va bene, però perché? Io cercavo un semplice quaderno a tinta unita.

Nel secondo caso si compra qualcosa di una tristezza inenarrabile.

La loro tattica è semplice quanto efficacie: o entri nel nostro magico mondo di fate e marzapane rincoglionendoti, oppure ti accontenti di un quadernetto di carta masticata dalle capre, con la striscia di bava lasciate da una lumaca nostra amica.

Annunci

One thought on “Giugno col bene che ti voglio

  1. Pingback: Hai acceso il computer 45 secondi fa. | Potevo Studiare Francese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...