Cibi

Il gran finale: il bar dell’Erinni (4 di 4)

Il pasto più surreale al quale abbia preso parte è stato quello del primo maggio a Torino. Uno va il primo maggio a Torino e si aspetta di trovare la città a propria disposizione. Ma anche no. Quindi ci si accontenta e si soffre. Io e la cuneese amica, della quale proteggeremo la privacy dandole il nome di fantasia: “Non-scura Fiume-di-Israele”, ci fermiamo la prima volta qui per un caffè e brioche. Ci accoglie una vecchina dolcissima che si prende cura di noi, ma poi, nel momento in cui ci invita a recarci dentro il locale per scegliere il dolcino, cadiamo nella tana dell’Unno.

Una Vanna Marchi, una Moira Orfei, una Platinette dai capelli argentati e le sopracciglia tatuate. Non possiamo dire di essere state mal accolte, semplicemente veniamo sgridate perché cambiamo idea sulla brioche e prendiamo la torta al cioccolato. Ci dice: “Ma io non so, una vuole una cosa, l’altra un’altra… ma fate un po’ come volete!”

Quattro anni di cinese con Stefania non sono bastati per renderci emancipati da ogni dimostrazione d’affetto, abbiamo lo stesso avuto paura.

Ma non abbastanza da non tornare lì anche per pranzare, qualche ora più tardi. Possiamo dire che siamo tornati lì per colpa dei locali chiusi il primo maggio? Possiamo. Ma c’erano anche un sacco di kebabbari aperti per la strada.

Io e le mie amiche veniamo ripetutamente sgridate, prima perché alla domanda: “Vino bianco o rosso?” preferiamo l’acqua, poi perché non siamo abbastanza veloci a decidere se gasata o naturale.

Inoltre dovevamo pranzare in quattro, ma eravamo solo in tre, la quarta era in ritardo, allora siamo state sistemate in un tavolino piccolo e schiacciato perché: “Non posso stare qua ad aspettare tutti, o si sbriga o ve ne andate e mi liberate il tavolo per un altro cliente”.

Consolazione? Tutto molto buono, sguardi di cameratismo tra clienti impauriti, la vecchina dolcissima e il nipote dell’Unna a un passo dalla crisi di nervi a cui va tutta la mia comprensione.

Ci tornerei? Forse, ma prima avrei bisogno di un soggiorno in Corea del Nord per prepararmi.

Annunci

One thought on “Il gran finale: il bar dell’Erinni (4 di 4)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...